Un bel dì vedremo: il nuovo racconto solarpunk di Andrea Franco!

La collana di fantascienza solarpunk Atlantis si arricchisce del racconto lungo Un bel dì vedremo di Andrea Franco. Continuano le uscite con cadenza mensile dell’etichetta curata da Franco Ricciardiello per Delos Digital.

Un bel dì vedremo di Andrea Franco

Pubblicato da Delos Digital nella collana Atlantis, Un bel dì vedremo è il nuovo racconto lungo di Andrea Franco. Dedicata alla fantascienza solarpunk, l’etichetta curata da Franco Ricciardiello, già curatore dell’antologia Assalto al sole, si arricchisce di una nuova uscita dopo quella di Silvia Treves Margine di incertezza.

Grazie alla tecnologia cybo, clonazione più cibernetica, è possibile riascoltare i grandi interpreti dell’Opera lirica sui palchi dei teatri italiani. Ma con questa nuova tecnologia, ultima frontiera della bioingegneria, si sollevano problematiche a livello legislativo. Come si comporterà il legislatore?

Un bel dì vedremo è disponibile nel solo formato ebook sul sito di Delos Digital e su Amazon. Il prezzo di copertina è di 1,99€.

Sinossi di Un bel dì vedremo

Tra le manifestazioni artistiche, la musica è fra quelle che più immediatamente caratterizzano un’epoca. Il Novecento, con la novità dell’audioregistrazione, ha reso possibile riprodurre e ascoltare tutta la grande musica del passato, e prodotto di conseguenza una quantità di appassionati fruitori di musica d’arte – non ultima la lirica. L’Italia, culla dell’Opera per quasi tre secoli, anche nel futuro prossimo tramanda la tradizione dei grandi interpreti nelle loro esibizioni dal vivo in teatro, con la non trascurabile particolarità che davvero è possibile apprezzare voci come quella del soprano Rosina Storchio (1872-1945), lì sul palco del Teatro dell’Opera di Roma o del San Carlo di Napoli.

Non è un trucco di magia, né resurrezione, ma tecnologia cybo, ultima frontiera della bioingegneria: clonazione più cibernetica, ed ecco una nuova versione dell’umanità – una razza diversa, invece, per chi ritiene ad esempio che le cyborg attitudes non siano espressione artistica, bensì frutto di un applicativo software. La legislazione deve naturalmente prendere atto dell’esistenza dei cybo; ma secondo quale principio? Come esseri autonomi, dotati di raziocinio e creatività, oppure con tutta la diffidenza di una società conservatrice che sente minacciata la concezione tradizionale dell’essere umano? Il risultato finale sarà influenzato dal braccio di ferro tra un direttore d’orchestra come il Maestro Clemens Zimmermann, pervicacemente ostile alla novità, e il lungimirante Paolo Mastrilli, ministro della Ci’Cultura, che si sente direttamente coinvolto nel problema etico dei cybo.

Per non perdere le migliori notizie dal mondo del Fantasy e del fantastico, iscriviti alla nostra newsletter.
Puoi acquistare la rivista cartacea di Fantasy Voice dal nostro negozio online.
Aiutaci a crescere visitando i siti dei nostri sponsor che trovi nella colonna a destra (da browser) o ai piedi della pagina (da smartphone e tablet)!

Articoli correlati